Dumbo…sei un Bastardo!

La storia si ripete, possibile mai che i gay sono le persone più assurde del mondo?

Il fatto: Sabato sera, a ballare, un mio amico si è portato un paio di manette, con la scusa di scherzare si attaccava a qualcuno, attaccava bottone, insomma, si sceglieva le prede. (mica fesso!)

Durante la serata, poi, ha rivisto C. credo trentenne guardia giurata ovvero un ragazzo a cui a lui piace, anzi mi spiego meglio, a cui lui, il mio amico, va dietro ormai da quasi due anni. Naturalmente il pretesto, la scusa, la voglia, l’alcool e la fantasia erotica della situazione c’erano, cosi gli si è avvicinato e se lo è ammanettato per bene.

Insomma, tra una parola e l’altra, tra un bacetto e l’altro, gli ha scucito anche il numero di telefono, cosi gioioso come non mai e felice come una Pasqua, durante il ritorno a casa gli ha mandato un messaggio.

Purtoppo, però, la risposta ha tardato o meglio dopo il secondo messaggio inviato di domenica pomeriggio (il primo era partito alle 5:10 am) il mio amico si vede arrivare un messaggio di ringraziamenti per i complimenti con a seguito una domanda ben precisa: Chi sei? Ed il mio amico, offeso, gli ha inviato un mms con la foto della carta d’identità.

Allora, qui io ti dico:

Caro Dumbo (ha due parabole al posto delle orecchie che oltre sky riesce a prendere anche il digitale terrestre senza problemi),

Chiedere al mio amico chi sei, dopo che ci hai “limonato” tutta la sera, non credo sia un gesto da signore. Sai che ti viene dietro, te lo hanno detto i tuoi amici, quindi che cosa hai fatto, te lo sei baciato solo perchè nessuno ti filava?

Sarai stato ubriaco, sarai stato sotto effetto di qualcosa, non lo sò e non mi interessa, ma non fare finta di non ricordare nulla, dopo che con una persona ci hai passato più di due ore a chiacchierare la sera prima. Perfino il mio “amico” Cesare, che ho conosciuto la sera in cui si era preso 8 pasticche di ecstasy (cangurotti rosa), la volta successiva si è ricordato il mio nome, che tra le altre cose nemmeno è semplice da ricordare, non puoi dirmi che te non ce la facevi.

Non hai scusanti, se volevi prenderlo in giro, se volevi divertirti, se volevi usarlo per ripicca contro qualcuno, se ti è servito perchè nessuno ti filava, bhe… non ti sei comportato bene…anzi, sai che ti dico?

Dumbo…sei un bastardo!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: