Ci Vuole Coraggio!

Il mio primo Pride, la prima volta che ho partecipato ad una manifestazione omosessuale.
Non ci sono rimasto deluso, ci sono state molte cose positive che hanno caratterizzato l’evento, è stata una carnevalata molto simpatica che si è districata tra le vie di Roma suscitando molto interesse e divertimento per tutti coloro che si reputano etero e non solo.
Un applauso va alle FAMIGLIE ARCOBALENO (ASSOCIAZIONE GENITORI OMOSESSUALI) che dal carro, urlano:

ETERO O GAY SONO TUTTI FIGLI MIEI!

 hanno raccolto consensi di tutti coloro che li vedevano sfilare.
Un bel dieci lo regalo al carro degl’orsetti, organizzato dall’associazione EPICENTRO URSINO sono sempre nel mio cuore e non lo nascondo!
Una gioia vedere tutti i miei amici e le persone che conosco partecipare alla parata.
Divertentissime le gang naturali delle persone che c’erano, per capirci, c’erano delle persone vicino a noi, ed eravamo quasi vicino all’arrivo della parata. Ad un tratto ridendo e scherzando iniziano a dire:
– andiamo, dai, iniziamo a correre…
Un altro dice:
– chi arriva ultimo è un etero!
Tutti iniziano a correre, quando, una trans vicino a noi dice scocciata:
– ho capito, devo dire addio ai miei poveri tacchi, vi ODIO!
E con grande maestria inizia a correre, alzandosi con le mani la gonna.
Un dispiacere va alla mancata conoscenza si loro: Massy e MarK.
Ci siamo quasi rincorsi per tutto il corteo e non siamo stati buoni di riuscire a darci la mano, in mancanza però confermo la presenze di Besto, non ci siamo parlati ma l’ho incrociato, mi autocandido da testimone nel caso qualcuno non gli credesse!
Le cose che non ho tollerato invece sono poche.
Non approvo il gruppo delle quattro persone che, vicino al Colosseo, ai bordi della strada, sfilavano nudi, avevano il corpo colorato, vero, ma sempre nudi erano, ora non so il motivo della loro provocazione, ma secondo me potevano scegliersi un altro modo per manifestare il loro fantomatico dissenso.
Non ho approvato poi alcuni degli interventi politici.
Vero che non siamo stati chiamati al Family day, vero che hanno promesso i PACS e poi nemmeno sono riusciti a fare i DICO, vero che il Vaticano in Italia fa grande ostruzionismo, vero tutto quello che volete, approvo anche la maggior parte delle proposte, tipo quella di non votare o di non pagare le tasse che non ci aspettano non usufruendo dei diritti per le quali sono richieste, ecc…però da una manifestazione come quella, offese come quelle fatte gratuitamente da Imma Battaglia, potevano anche essere risparmiate.
Per questo però ci farò un altro post.

10 Risposte to “Ci Vuole Coraggio!”

  1. vitty Says:

    ahaha la trans che corre🙂 questa avrei voluto vederla😀

  2. MadMark Says:

    E’ dispiaciuto anche a me non riuscire a beccarti, ma con quel caos è stato praticamente impossibile! Speravo che arrivassi subito, noi eravamo li dalle 15 e qualcosa..

    Ho visto una foto degli uomini nudi e colorati di cui parli.. beh forse hanno un tantino esagerato, ma a vederli.. non li ho trovati più volgari di altre persone più vestite.. dipende tutto dall’atteggiamento secondo me. Più che altro facevano ridere..

  3. ismaele Says:

    – MadMark: le metterò anche io un pò di foto come me le danno!🙂

  4. zapata Says:

    Caro Ismaele,

    sono una delle cinque (non quattro) persone che sabato scorso hanno partecipato nude e dipinte con i colori dell’arcobaleno al pride di Roma. Per amor di completezza, io ero quello verde e da me è partita l’iniziativa.

    Leggo che non ti piaceva come eravamo vestiti e credo che la tua opinione sia rispettabilissima. Non ti scrivo per farti cambiare idea sui nostri corpi nudi, lo faccio solo per esprimere, pacificamente, il mio punto di vista.
    Io penso che ognuno abbia il diritto di vestirsi come vuole, finche non impone agli altri di indossare un vestito che non gli piace.

    Uno al pride ci va come si sente di farlo, perché il pride, storicamente, è nato per affermare la ricchezza della diversità e non il valore della normalità che vuole tutti uguali come cloni.
    La ricchezza della diversità, ultimamente, si va un po’ perdendo e per questo abbiamo fatto la bandiera arcobaleno umana, ogni corpo un colore, a significare la diversità, ma tutti uniti nella stessa lotta per affermare che è giusto rispettare le individualità.

    La nostra cultura associa la nudità alla vergogna e il pride, come dice la parola, è il posto per imparare a non avere più vergogna di sé. non trovo che la nudità al pride sia sbagliata o esagerata perché la censura del corpo e la condanna della sessualità hanno la stessa matrice.

    Senza fare un discorso storico antropologico, perché non è questa la sede, ti ricordo che presso i popoli alle radici della nostra civiltà, il corpo nudo non suscitava scandalo e non era motivo di umiliazione o derisione.
    I greci giocavano nudi nelle olimpiadi o nelle palestre dei licei e alle terme di Caracalla, qui a Roma, non si andava in costume da bagno. Basta un salto a Villa Giulia per rendersi conto che anche gli etruschi avevano, con la nudità del corpo, un rapporto molto libero e sereno. Roma è, ancora oggi, una città piena di statue nude, installate all’aperto o esposte nei musei.

    Sabato scorso abbiamo fatto la manifestazione in modo pacifico e, a detta di molti, assolutamente non volgare. Siamo stati molto contenti di ricevere la simpatia della maggior parte delle persone. Molti si sono complimentati dicendo di non pensare che il vedere persone nude nel centro di Roma potesse sembrare così naturale.

    Secondo me non esiste nessun motivo per essere ossessionati dalla nudità e proibirla anche perché chi lo crede non è mai stato in grado spiegarmi il motivo senza fare affermazioni arbitrarie.

    A qualcuno il corpo nudo potrà non piacere, ma si tratta di un gusto personale e in una società libera e aperta deve esserci spazio per tutti. Se una cosa non piace, si può sempre guardare altrove, senza assumere un atteggiamento xenofobo, perché la xenofobia è il motore che genera la discriminazione verso i gay, le lesbiche, i transessuali e in generale verso chiunque sia diverso da quella normalità alla quale la massa dichiara di appartenere pubblicamente, ma spesso i singoli violano nel privato.

    Dimenticavo, alle statue dei musei vaticani hanno tagliato il fallo e l’hanno sostituito con una conchiglia… magari è un caso, forse no.

  5. ismaele Says:

    – zapata: Grazie per l’intervento, per mia ignoranza mi riferivo al fatto che un corpo nudo è un impatto forte, per mostrarsi nudi in strada dietro di sicuro ci deve essere una motivazione forte e non frivola.
    Ignorantemente, non lo nego, avevo solo dato al vostro gesto una sfumatura esibizionista, incurante della motivazione principale.
    Come dici te la nudità è sempre stata “una cosa normale”, nei giorni nostri però non lo ritengo tale, sarà un mio punto di vista, non lo so, ma non trovo giusto che un piccolo per strada debba vedere gli organi genitali umani, che per quanto siano uguali a quelli delle statue, sono differentemente veri, che è tutta un’altra cosa, come quando vai a scuola, le cose teoriche che ti insegnano sono sempre diverse dalla pratica quotidiana che ti si presenta davanti nella vita.
    Il mio atteggiamento non voleva essere xenofobo, ma era solo un pensiero, non dico contrario perché se vuoi manifestare puoi farlo come meglio credi, però basta sempre rispettare le terze persone che ti circondano.
    Sarà che è la mia filosofia di vita, ma non la reputo sbagliata.
    Che ne dici?

  6. psiko Says:

    Wow, zapata, hai tirato fuori una filosofia.
    E ora mi sento un po’ coglione perché mi sento più sulle idee di ismaele. boh. ci penso un po’ e poi vi dico.🙂

    p.s. la foto del gruppetto incriminato è qui.

  7. zapata Says:

    purtoppo è come dice ismaele, passiamo un sacco di tempo a imparare cose che empiricamente si rivelano false.
    inoltre, spendiamo tante parole per dire il contriario di quel che sentiamo. insegnamo ai bambini cose che da grandi scopriranno essere sbagliate, ingannandoli.
    va tutto bene cosi? che abbiamo da perdere ad essere sinceri e trasparenti?

  8. ismaele Says:

    – psiko: io non voglio convincere nessuno, esprimo il mio modo di vedere le cose🙂

    – zapata: sincero e trasparente lo sei anche vestito🙂 però sei un caratterino, mi fa piacere questo scambio di opinioni🙂

  9. Max Says:

    lodo entrambi (Zapata e Ismaele) per le argomentazioni intelligenti tirate fuori (in modo favolosamente civile) in questo scambio di opinioni…si chiama rispetto e lo praticano in pochi…per quel che riguarda la mia opinione vi dico che una parte mi fa pensare come Zapata, una parte come Ismaele…

  10. ismaele Says:

    – zapata: vedi…la prossima volta meglio un perizoma color carne!🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: