Prostituzione, La Carfagna e le Pari Opportunità (PERDUTE)

Il ministro per le Pari Opportunità Mara Carfagna, il ministro della Giustizia Alfano ed il ministro degli Interni Maroni hanno presentato un ddl che è stato approvato la mattina di Giovedì 11 Settembre 2008 dal consiglio dei Ministri. Il Ddl riguardava la prostituzione in luoghi pubblici, ovvero una piaga ed un fenomeno di “allarme sociale”, almeno cosi lo hanno definito.
Le testuali parole del testo sono:

ARTICOLO 1 (modifiche alla legge 20 febbraio 1958, n. 75).

1. All’art. 1 della legge 20 febbraio 1958, n. 75, sono aggiunti, in fine, i seguenti commi: “Chiunque esercita la prostituzione ovvero invita ad avvalersene in luogo pubblico o aperto al pubblico e’ punito con l’arresto da cinque a quindici giorni e con l’ammenda da duecento a tremila euro.
Alla medesima pena prevista al secondo comma soggiace chiunque in luogo pubblico o aperto al pubblico si avvale delle prestazioni sessuali di soggetti che esercitano la prostituzione o le contratta
“.

Di conseguenza d’ora in poi, frequentare luoghi di battuage è reato, sia per chi la esercita che per chi se ne avvale e che prevede la detenzione fino a 15 giorni oltre che una multa pecuniaria per chi fa sesso a pagamento per le strade, oltre che per i clienti.
Che dire quindi se non: “meno male che la Carfagna è ministro delle Pari Opportunità!”
Gia perché per gli etero, che vivono la loro sessualità tranquillamente, tanto a loro non nuoce niente nessuno, non cambia nulla.
Escono con la ragazza, decidono di fare sesso, vanno a casa loro, tanto sicuramente i genitori di lui o di lei che sia non credo si facciano molti problemi.
E’ un ragazzo che porta, semplicemente, un amicA in camera sua.
Due ragazzi che escono, che si frequentano, che vogliono magari anche solo fare del semplice sesso, cosa fanno?
Certamente, viste le pari opportunità, andranno a casa di uno dei due, alla fine per dei genitori inconsapevoli delle scelte sessuali del figlio, vedere che rientra e che si va a chiudere in stanza con un amicO non comporta per loro nessun pregiudizio, certo.
Alla fine cosa può succedere?
Nulla di che gia sentito insomma, potrà essere sbattuto fuori di casa, potrà essere picchiato, sbaglio o specialmente nel sud d’Italia, notizia anche recente, un padre ha accoltellato il figlio perché era omosessuale?
Ed i Travestiti che, non trovando lavoro, ci campano con questo mestiere?
Ma giustamente che volete che sia, vieni preso in luogo di incontri?
Mantieni la calma, schiarisci la voce e dici che, come fanno in molti, me compreso, te stai cercando solo una “sveltina”, un rapporto sessuale con un partner magari anche occasionale, ma lo fai in luoghi del genere solo perché è li che ti costringe ad andare la comunità, perché non sei dichiarato, perché nessuno sa dei tuoi gusti sessuali, nemmeno i tuoi genitori anche perché magari per loro potrebbe essere un duro colpo da mandare giu.
Tanto cosa volete, anche se state facendo l’amore o del semplice sesso, l’importante è dimostrare che non sia prostituzione.
Il ministro delle Pari Opportunità, giustamente, questo ddl l’ha studiato bene, quindi, spiegare all’autorità che non c’è stato alcun movimento di denaro sarà semplicissimo, giusto no?

4 Risposte to “Prostituzione, La Carfagna e le Pari Opportunità (PERDUTE)”

  1. Andrea (psiko) Says:

    Carina la foto. Già.
    Ora, sulla Carfagna. Io trovo che ad oggi lo sfruttamento della prostituzione, qui in italia, sia un problema. serio. e trovo anche che la scelta di strada intrapresa dal governo, con questo disegno di legge, non sia delle migliori; ma, è un ddl, passerà nelle due camere, e – credo – sarà modificato.

    questo disegno di legge, questa proposta di legge, si pone come unico obiettivo quello di ‘togliere’ dalla strada la prostituzione. inquadra ‘il problema’ nelle prostitute sul ciglio delle consolari, delle tangenziali, nei vicoli del centro.
    sì è già provveduto, in passato, con provvedimenti analoghi. tutti falliti. interrotti.
    famoso era quello del sequestro dell’autoveicolo, finito poi con il suicidio di non ricordo più chi.

    io sono molto libertario, non trovo vi sia un problema nella prostituzione in se; ma quando a via pinciana, alle quattro di notte, tornando a casa, il tipo che mi guida davanti inchioda per parlare con la ragazetta in vendita, ecco, mi prende la voglia di non frenare e poi scendere e spaccargli la faccia.

    pace.🙂

  2. MadMark Says:

    Questo governo mi preoccupa sempre di più, vedo aggiungersi mattone su mattone.. per andare dove non si sa.

  3. Max Says:

    …La Carfagna è veramente un ministro a cui il portafoglio dovrebbe esser tolto…i soldi dei contribuenti italiani dovrebbero andare per ministeri diversi…tanto lei il suo lavoro non lo fa, le pari opportunità non le cura…all’inizio del governo aveva garantito che avrebbe comunque preso delle misure contro la violenza contro i gay…(sarà stato un contentino perchè non ha patrocinato il pride, che non è occasione di studio e riflessione, a suo avviso). Le sto ancora aspettando…

  4. kAmMykAzE Says:

    Notizia fresca…giustamente in strada ti fanno la multa, per questo sta aumentando la prostituzione in appartamento… se vicina di casa hai una prostituta…non te la prendere sono le pari opportunità!😀

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: